Post-verità o psicoverità?

Francesco Gambino

Abstract


Post-verità è parola nuova, in certa misura già consumata, introdotta con adattamenti dalla lingua inglese. Allude a una situazione in cui i fatti obiettivi sono meno influenti sull’opinione pubblica rispetto agli appelli emotivi e alle convinzioni personali (dall’Oxford English Dictionary che ha eletto “Post-Truth” parola dell’anno 2016). Il termine è improprio e fuorviante, destinato a fluttuare tra contraddizioni, variazioni di senso, contesti operativi. Già si potrebbe dubitare della novità del fenomeno che il neologismo intende designare. La dissociazione tra convinzioni personali e realtà “oggettive” e controllabili attraversa la storia più problematica del pensiero scientifico e filosofico.  ...

Full Text

PDF

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Copyright (c) 2018 Leussein - rivista di studi umanistici

Copyright Gaia srl - Edizioni Universitarie Romane - p.iva 06984431004 - Privacy - Cookies