Fine dellopera. Note su Agamben e postfordismo

Angelo Nizza

Abstract


Questo articolo prova a misurarsi con la categoria agambeniana di inoperosit adombrata fin dal primo volume del ciclo Homo sacer e giunta a piena maturazione con Luso dei corpi. In linea con lepistemologia del pensiero italiano di ispirazione operaista si pone la seguente alternativa: o lunico modo coerente di intendere linoperositin senso ontologico, concependo dunque una forma di vita al di ldelle nozioni aristoteliche di praxis e poiesis; oppure esiste almeno unaltra accezione, piristretta, che fa dellinoperositun prezioso strumento dindagine sul processo lavorativo contemporaneo che ha la tendenza di inscriversi nella sfera delle attivitsenza opera (praxis), abbandonando la classica sede in cui dimorano le attivitprovviste di prodotti esterni (poiesis). Lungi dal funzionare come premessa per una pipervasiva non operositdellesistenza, il fenomeno de lavoro inoperoso sembra attestare una contraddizione che revoca in dubbio la coppia oppositiva con cui da Aristotele in avanti siamo soliti descrivere lesperienza umana.


Full Text

PDF

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Copyright (c)

Copyright Gaia srl - Edizioni Universitarie Romane - p.iva 06984431004 - Privacy - Cookies