Che cosdialettica? Note critiche in margine ad un libro di Costanzo Preve

Fabio Vander

Abstract


Il libro di Costanzo Preve Storia della dialettica (Pistoia, Petite Plaisance,2006, pp. 187), offre utili spunti per una riflessione su un tema, la dialettica,trascurato da anni di tirannia dellontologia, nella filosofia internazionale, maanche in quella italiana, dove peraltro lontologia aveva non a caso preso leforme della reazione, a partire dagli anni 40, allegemonia del neoidealismo (edunque proprio della dialettica) di Croce come di Gentile.Il contributo migliore il libro lo offre a chi voglia chiedersi in termini esplicitie radicali che cosa sia appunto dialettica.Preve propone sin dallinizio un accostamento fra dialettica e ontologia chesuscita perplessite perpermette di distinguere due ben precise lineeinterpretative. Da una parte sostiene che la dialettica un modo di negare lerigiditontologiche ma anche storiche, una negazione in primis dellessereeleatico: la dialettica scioglie sempre ogni irrigidimento storico e sociale chesi presenta come definitivo (p. 20). Dallaltra perlontologia non sarebbeche il metodo della dialettica, cicon cui essa individua (cosalmeno sembradi capire) i diversi ambiti ontici, le categorie specifiche di ogni regionedellessere che si ha di fronte (p. 20). Potrebbe dirsi, heideggerianamente, chePreve obl la differenza ontologica, nel senso che chiama essere quello che inveritente (cioappunto ogni specifico ambito desperienza). Ma non uesto il punto.A nostro avviso decisiva la seguente differenza: 1) lontologia la scienzadellessere in quanto essere; 2) la dialettica la scienza dellessere in quanto essere e inquanto non essere. ...

Full Text

PDF

Refback



Copyright (c)

Copyright Gaia srl - Edizioni Universitarie Romane - p.iva 06984431004 - Privacy - Cookies